Segnali di trading: uso, affidabilità, alternative. La guida per capire tutto

Quante volte avete sentito parlare di segnali di trading? Ma siete davvero sicuri di sapere tutto a riguardo? Con questa guida vogliamo appunto focalizzarci su qualsiasi dettaglio in merito: quali sono, dove trovarli, come valutarne l’affidabilità e soprattutto come usarli per rendere le proprie previsioni di trading il più precise ed efficaci in assoluto.

Qualsiasi sia il broker trading online che utilizziate o qualsiasi sia la tipologia di trader che più vi rispecchi, non esiste possibilità di effettuare alcun investimento realmente ponderato senza appunto utilizzare i segnali di trading.

Proprio per questo abbiamo deciso di raccogliere tutto in questa guida.

Il 67% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.

 

Cosa sono i segnali di trading?

Per capire davvero i segnali di trading bisogna tanto per cominciare definire cosa sono: si parla di segnali di trading quando troviamo davanti a noi delle informazioni (questo è senza dubbio il modo più generico per definirle) che siano in qualche modo capaci di “anticipare” le future evoluzioni dell’andamento di un determinato asset finanziario: strumenti a dir poco fondamentali per chiunque voglia operare in CFD ed in trading in generale.

Partire in modo generico chiamandoli informazioni è quantomeno doveroso se consideriamo che i segnali possono essere davvero di qualsiasi natura e che proprio per questo la loro schematizzazione necessita di uno sforzo razionale davvero radicale che si “interfaccia” con i grafici di andamento economico.

Cosa sono queste informazioni e che significato hanno? Per definire ancora meglio possiamo dire che un segnale di trading sia il risultato dell’incrocio di numerosi grafici proprio per far risaltare quelle che sembrano essere le informazioni più affidabili che, una volta isolate, possono rappresentare con buona approssimazione un cambiamento imminente che si potrà verificare in uno specifico lasso di tempo.

Perché sono tanto importanti? Perché come ben sappiamo il trading effettuato senza analisi è un’attività rischiosa basata sulla “scommessa casuale” e le analisi servono proprio per far emergere segnali di trading affidabili attraverso i quali avvicinarsi a scelte di investimento il più precise possibili.

Come si presentano questi segnali? In modo diverso in base al servizio che utilizziamo per ottenerli, ma questo lo vedremo meglio nei prossimi capitoli.

Come usare i segnali di trading?

Un punto sicuramente fondamentale nella scoperta dei segnali di trading è naturalmente quello legato a come utilizzare questi strumenti, anche perché nessun segnale potrebbe mai essere utile a nessuno senza saperlo applicare a dovere.

Come si utilizzano? E’ in realtà molto semplice: quando effettuiamo le nostre previsioni sull’andamento dei mercati per operare con CFD è chiaramente utile (se non imprescindibile) basarle su degli elementi che li supportino o li correggano.

Informarsi regolarmente sui segnali di trading presenti nell’andamento dei mercati diventa in qualche modo un invito ad indirizzare il proprio trade su CFD in una direzione specifica, così come permette di contro di correggersi scegliendo di non percorrere un trade che avevamo scelto di fare ma che viene scoraggiato da quello che i segnali dicono in merito.

Come abbiamo già avuto modo di definire in precedenza, l’utilizzo o meno dei segnali di trading è per ciascun trader uno degli strumenti in cui trovare la variabile tra delle operazioni fatte con cognizione di causa ed altre che diventano per lo più delle scommesse.

Tipi di segnali di trading

Quali sono i vari tipi di  segnali di trading? Fondamentalmente le varie tipologie differiscono in base al modo in cui i segnali vengono diffusi agli utenti: il loro senso rimane naturalmente invariato, quello che cambia è il modo in cui riceverli per rimanere informati.

Naturalmente ci sono svariati modi per ottenere i  segnali di trading e tra poco li approfondiremo meglio nel capitolo “dove trovare i segnali di trading”, ma adesso vogliamo fare qualche esempio dei vari possibili modi per ottenerli proprio per meglio definire queste differenze di tipologie di veicolazione.

Ecco a voi i tre principali modi: YouTube, Telegram e Segnali a Pagamento.

Youtube

youtube logo

Come per tantissimi altri argomenti YouTube è un ottimo punto di riferimento anche per il trading online tanto più quando parliamo di diffusione di segnali di trading, che naturalmente vengono veicolati agli utenti da canali specifici attraverso video approfondimenti a cadenza regolare.

Si tratta di un metodo sicuramente facile da fruire perché il più delle volte i segnali vengono contestualizzati e spiegati in maniera discorsiva, ma come sempre parlando di YouTube i canali tematici sono una vera infinità ed è il caso di fare affidamento solo a quelli davvero affidabili, anche perché siamo certi che nessuno voglia fare scelte di trading basandosi su informazioni non verificate e poco referenziate!

Telegram

telegram logo

Un altro media molto attivo nell’attività di diffusione è Telegram, sul quale un’altra volta ancora è possibile trovare una grande quantità di canali specifici a cui iscriversi per ricevere segnali di trading: in questo caso i segnali vengono diffusi principalmente in modo testuale, ma anche utilizzando immagini di grafici o video.

Anche su Telegram però la prima preoccupazione non è tanto quella del metodo per ricevere i segnali di trading quanto la scelta dei canali più affidabili, ma c’è da dire che anche molti dei migliori siti di broker di trading online utilizzano questo social come modo per diffondere i propri segnali, questo perché in qualsiasi caso si tratta di un media molto facile da usare e davvero molto comodo per chiunque.

Segnali a pagamento

Quando parliamo di segnali a pagamento parliamo fondamentalmente di servizi web che mettono online pagine dedicate ai segnali di trading, si tratta di siti specifici ma anche di quegli stessi broker di trading che utilizziamo come piattaforma per operare che offrono agli utenti un servizio di analisi spesso ad hoc.

Chiaramente i modi per veicolare queste informazioni cambiano da servizio a servizio ed in tanti casi utilizzano come già detto anche media come Telegram, ma in qualsiasi caso possiamo dire che nella maggioranza dei casi si tratta di pagine web da consultare nelle quali trovare grafici e feed sempre molto aggiornati.

Ad ogni modo possiamo dire che tra tutte questa sia la possibilità maggiormente affidabile in quanto a serietà e precisione delle analisi elaborate e diffuse ai trader.

Segnali di trading gratuiti o a pagamento: quali sono le differenze?

Una delle differenze più sostanziali tra i vari segnali di trading che possiamo trovare sta in quelli gratis ed in quelli invece a pagamento, una differenza che possiamo immaginare essere totale.

Perché? Perché come abbiamo detto in precedenza elaborare dei segnali di trading affidabili richiede tempo e lavoro, il che rende piuttosto logico pensare che dei segnali gratuiti possano essere molto meno approfonditi di quelli che invece vengono elaborati a fronte di un pagamento.

Come presentato nel capitolo precedente, i segnali che possiamo trovare su YouTube o su specifici canali Telegram vengono distribuiti in modo più o meno gratuito (nel caso di YouTube chiaramente il traffico di utenti genera profitto, ma non è comunque un “pagamento” paragonabile a quelli per accedere ai servizi professionali), il che li rende sicuramente meno affidabili rispetto a quelli ricevuti a fronte di un abbonamento, per i quali possiamo andare sicuri di avere a che fare con una realtà che può investire risorse nell’elaborazione di segnali approfonditi e ragionati.

Naturalmente nella “famiglia” dei segnali di trading a pagamento rientrano anche quelli forniti dalle migliori piattaforme di trading online e forex, questo perché risultano come un servizio incluso tra quelli che la piattaforma offre ai propri utenti: decisamente famosi sono i segnali offerti da eToro o Obrinvest, piattaforme per operare con CFD che hanno una qualità assolutamente professionale, ma tutti i maggiori broker rispecchiano in qualsiasi caso lo stesso livello di qualità ed offrono questi così come tanti altri strumenti economici.

Il 67% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.

Dove trovare segnali di trading?

Arriviamo adesso al punto fondamentale, ovvero dove trovare i segnali di trading: un punto al quale in verità abbiamo già parzialmente risposto nei capitoli precedenti citando alcune delle principali fonti attraverso le quali reperire tutti i segnali più importanti.

Abbiamo citato YouTube e Telegram, ma soprattutto abbiamo citato i servizi di segnali di trading offerti dai broker di trade online, che poi sono la fonte principali per tutti coloro che hanno un conto su di una piattaforma: sono soprattutto questi ultimi il maggior punto di riferimento per i trader che operano online, ma chiaramente le fonti non si esauriscono qui.

Esistono infatti tantissimi siti specificamente dedicati all’analisi dei mercati e all’elaborazione di segnali di trading di qualità: si tratta di siti web per lo più a pagamento, ma naturalmente offrono servizi ultra professionali che vengono utilizzati da trader di tutto il mondo sia grazie alla precisione delle analisi elaborate che alla puntualità con cui i segnali vengono diffusi agli utenti iscritti.

Non è tutto qui, perché anche i maggiori portali di finanza sono soliti pubblicare tanti segnali, per quanto naturalmente non possano risultare così aggiornati come quelli dei servizi a questo dedicati.

Per quanto ci riguarda quel che più vi suggeriamo è di utilizzare i segnali di trading offerti dai migliori siti di forex come eToro o Obrinvest, che funzionano benissimo e danno indicazioni che risultano esser sempre molto aggiornate, ma anche i servizi dedicati alle analisi sono particolarmente affidabili.

Broker
Caratteristiche
Voto
Apri un Conto demo
5/5

5/5

Il 67% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.

4.9/5

4.9/5

76.4% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro
 
4.8/5

4.8/5

4.6/5

4.6/5

4.5/5

4.5/5

Ci sono alternative ai segnali di trading?

Se esistono delle alternative all’utilizzo dei segnali di trading? Naturalmente sì, ma si parla di alterative che non tutti possono o vogliono percorrere visto che fondamentalmente si basano su di un’analisi di mercato effettuata personalmente: un’attività che non solo richiede delle competenze specifiche non irrilevanti, ma che prende anche parecchio tempo.

Ma non è tutto, perché se anche avessimo sia competenze che tempo per effettuare personalmente le analisi dei mercati si tratterebbe in qualsiasi caso di analisi individuali che non risulterebbero incrociate con quelle provenienti da altri analisti, il che naturalmente comunque meno affidabili per definizione.

Insomma, le alternative all’utilizzo dei segnali di trading ci sono, ma non sono alternative altrettanto valide sul piano della qualità e dell’efficienza, né in termini di affidabilità né tanto meno in quelli della gestione del proprio tempo.

Come verificare l’affidabilità dei segnali di trading?

Il modo più semplice per verificare l’affidabilità dei segnali di trading proposti da uno specifico servizio è analizzarne lo storico, ovvero valutare quanti dei segnali diffusi precedentemente si siano poi effettivamente realizzati di fatto attraverso le successive evoluzioni dei mercati.

Questo tipo di studio permette senza ombra di dubbio di trovare il servizio migliore che più fa al caso nostro, un’operazione di fondamentale importanza per qualsiasi trader che voglia affidarsi solo ad un referente davvero capace di “mettere una marcia in più” a qualsiasi trade effettuato.

Come abbiamo detto più volte utilizzare i segnali di trading è alla base di operazioni sane e ben fatte, ma è ovviamente necessario utilizzarne di validi e più che affidabili.

Segnali di trading e truffe

Se siete preoccupati di andare incontro a truffe quando utilizzate servizi per segnali di trading vogliamo immediatamente rassicurarvi, perché tutti i servizi più popolari sono oggettivamente affidabili: basta scegliere le realtà autorizzate da Consob o comunque munite di licenze specifiche, così come fare riferimento solo a siti referenziati di comprovata qualità.

Il rischio si può correre solo prestando fiducia a quei siti che vi chiedono denaro senza però avere alle spalle nessuna realtà capace di giustificarne l’esistenza: non è così automatico che questo tipo di siti sia inaffidabile, però qualche rischio c’è ed è possibile evitarli anche solo seguendo le indicazioni che vi abbiamo dato poco fa.

Niente è meglio che partire dal proprio broker di trading online, questo perché si parla di realtà che offrono una tecnica di analisi perfetta per i prodotti che propongono agli utenti che hanno un conto, prodotti che normalmente consistono nei CFD da applicare a tutti i principali asset

Conclusione: la nostra analisi e opinione sui segnali di trading

Andiamo a concludere questa guida i segnali di trading, un approfondimento attraverso il quale speriamo di aver fugato tutti i dubbi e le curiosità che la maggior parte dei trader  alle prime armi hanno e che vanno chiarite al più presto, questo perché per esperti o esordienti che possiate essere i segnali sono in qualsiasi caso fondamentali e vanno compresi quanto prima.

Che aggiungere di più se non che grazie ai segnali di trading la qualità e le possibilità di successo dei vostri trade non potrà che aumentare in continuazione? Grazie a questa guida quindi vi auguriamo solamente il meglio.

Caratteristiche principali

  • 🏆  Votato Migliori Broker
  • 📊  Social trading & Copy trading
  • 🔐  Massima Sicurezza
  • 📚  Molti corsi di formazione disponibili

10.000€

Conti Di Demo

200€

Deposito Minimo

30:1

Leva

Il 67% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.

Domande Frequenti | Segnali di trading

✅ Dove posso trovare segnali di trading affidabili?

I segnali di trading più affidabili in assoluto sono quelli che possiamo trovare sulle piattaforme dei maggiori broker di CFD così come sui siti a pagamento specializzati, ma in molti casi anche quelli reperibili su YouTube e sui canali Telegram possono venire considerati segnali di qualità: tutto sta nello sceglier bene i referenti ed è per questo che siti come eToro o Obrinvest. com sono in assoluto quelli di cui più caldeggiamo l’utilizzo.

✅ Posso fidarmi dei segnali che trovo su internet?

Naturalmente sì, non è certo il fatto di trovarli su internet che inficia la qualità dei segnali di trading, ma in qualsiasi caso bisogna saper scegliere bene così da affidarsi solo a segnali di qualità. Bisogna tenere conto che al giorno d’oggi in qualsiasi caso la maggioranza dei servizi di segnali si muove utilizzando il web, quindi la vera differenza la fa la qualità dei siti e non lo strumento con cui veicolano le loro analisi.

✅ Come faccio a sapere se qualcuno sta inviando cattivi segnali?

La tecnica per valutare la qualità dei segnali che riceviamo su di un determinato tipo di asset ha un funzionamento abbastanza semplice: per evitare qualsiasi rischio prima di affidarci ad un determinato servizio è necessario valutarne lo storico, cioè comprendere se i segnali di trading diffusi in precedenza siano state indicazioni valide o se si siano invece rivelati inaffidabili in base a quelle che sono state poi le evoluzioni dei mercati.

✅ I broker online danno segnali di trading?

Assolutamente sì, una delle risorse più preziose per quanto riguarda i segnali di trading sono proprio i broker che permettono di operare su tutti i principali asset e che offrono i servizi di analisi come strumenti di trading per chiunque apra un conto di investimento online: eToro e Obrinvest. com, (così come tanti altri) sono tra i migliori referenti in assoluto anche per questo tipo di esigenza, che appunto viene contemplata come un aspetto fondamentale del servizio che offrono.


Il 67% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.

Per saperne di più, ecco tutte le nostre guide dettagliate sul trading online: