Siacoin, il futuro nell’archiviazione dei dati

Troppo spesso si identifica il mondo delle criptovalute con Bitcoin ed Ethereum, dimenticando però che il settore è composto da innumerevoli token.

Siacoin crypto è uno dei progetti più interessanti attualmente disponibili per investire in criptovalute. Se al momento il suo prezzo non è ancora esploso, sono molti gli osservatori il cui commento al riguardo sembra presagirne una grande crescita nell’immediato futuro.

Su quali notizie e informazioni si fondano, queste previsioni? Andiamo a vedere nel dettaglio.

Cos’è Siacoin?

siacoin logo

In pratica il piano Siacoin ideato dai suoi fondatori prevede la fornitura di un vero e proprio servizio, andando in particolare a decentralizzare il cloud storage, ovvero l’archiviazione di file su una rete formata da uno o più server esterni.

Un obiettivo il quale si fonda su una debolezza intrinseca delle piattaforme centralizzate, ovvero i maggiori costi e vulnerabilità in termini di sicurezza delle informazioni.

Nel caso di Siacoin, a fornire lo spazio su cui viene salvato il materiale non è una sola azienda, ad esempio Dropbox, bensì tutti coloro i quali mettono a disposizione i propri computer, venendo remunerati per lo spazio prestato. Il compenso in questione avviene proprio sotto forma di Siacoin, il token su cui si fonda il passaggio di risorse all’interno del network.

Caratteristiche principali

  • 📊  Social trading & Copy trading
  • 🔐  Massima Sicurezza
  • 📚  Molti corsi di formazione disponibili
  •  

10.000€

Conti Di Demo

20€

Deposito Minimo

Chi ha creato Siacoin?

Avere info. sul fondatore, o i fondatori, di un network è tra gli elementi più utili a chi compra per riuscire a formarsi una prima idea sulle sue effettive potenzialità. Per quanto riguarda Siacoin le personalità che hanno svolto la funzione di motore per dare al progetto gambe su cui camminare sono stati Luke Champine e David Vorick.

Il primo è il presidente e sviluppatore principale di Sia, la blockchain che fa da base al progetto, mentre il secondo è colui il quale ha presentato l’idea da cui è scaturito il piano Siacoin nel corso di un hackathon HackMIT tenuto nel mese di settembre del 2013.

E che ha poi provveduto a dargli il nome, in onore del dio egizio della percezione, nel corso dell’anno successivo.

Sono stati proprio Vorick e Champine a fondare Nebulous Inc. Ribattezzata Skynet nel settembre 2020, società la quale ha ricevuto finanziamenti iniziali dal miliardario Jim Pallotta del Raptor Group, ex presidente dell’Associazione Sportiva Roma, la squadra di calcio della capitale, e da società come Fenbushi Capital, First Star Ventures e INBlockchain.

Vorick, in particolare, era uno degli sviluppatori principali di BTC e tutto ciò che è stato appreso nel corso di quella preziosa esperienza è stato naturalmente trasferito nel nuovo progetto, fornendo in tal modo il propellente necessario per poter partire in grande stile.

In tale ottica occorre ricordare Il secondo whitepaper, intitolato “Sia: Decentralized Simple Storage”, il quale è stato rilasciato nel mese di novembre del 2014. All’interno del quale si afferma chiaramente che l’obiettivo cui tende il progetto è la pratica sostituzione delle piattaforme di archiviazione centralizzate su cui viene salvato il tutto.

Un settore in cui spiccano veri e propri giganti come questi: Google, Amazon e Dropbox. Cui ha fatto seguito la prima versione beta pubblica di Sia, la quale è stata rilasciata il 6 giugno del 2015.

Cosa rende unica Siacoin?

siacoin crypto

A rendere unica Siacoin per chi compra, è proprio la grande ambizione alla base del progetto, ovvero quella di diventare il più grande server di archiviazione a livello globale.

Un servizio estremamente utile, il quale scava un solco decisivo nei confronti della gran parte di cripto-valute esistenti attualmente, le quali si propongono, in definitiva, alla stregua di asset puramente speculativi.

In tal modo il progetto assume un respiro molto più ampio e ricco di elementi, soprattutto, pone le basi per non cedere di fronte alle fluttuazioni tipiche degli asset finanziari. In pratica il Siacoin valore potrebbe dipendere solo parzialmente dall’andamento dei mercati. Un vantaggio di non poco conto.

Siacoin è una criptovaluta riconosciuta?

Siacoin è una moneta virtuale già conosciuta da chi compra o deve ancora fare strada, in tal senso?

La risposta al quesito sembra assolutamente inequivocabile: Siacoin crypto è già ampiamente nota a coloro che investono in monete virtuali.

A rendere tale Siacoin è proprio il disegno estremamente ambizioso su cui si muove il piano delineato dal gruppo di sviluppo, ovvero trasformarsi in una sorta di Airbnb dei dati informatici. Un piano fondato su alcuni limiti ben noti dello storage centralizzato e il quale, di conseguenza, potrebbe comportare una notevole accoglienza da parte dei mercati.

Come funziona Siacoin?

La blockchain di Siacoin prevede l’utilizzazione dell’algoritmo di consenso Proof-of-Work (PoW), quindi sul mining, oltre che sulla possibilità di implementare smart contract tipica di ETH, cui è affidata la funzione di facilitare il salvataggio dei dati circolanti online.

Occorre anche ricordare che in termini di sicurezza, Siacoin offre grandi garanzie. Lo spazio in cui viene salvato il dato in questo modo, infatti, utilizza la crittografia, permettendo solo a chi è in possesso delle chiavi private di recuperare quanto serve.

La moneta che alimenta il sistema necessita della presenza del Client di Siacoin, previa installazione sul dispositivo che gli utenti intendono usare, in modo da facilitarne il collegamento alla rete e tramutarlo in un nodo della stessa. Da questo momento l’utente è in grado di guadagnare dal servizio reso.

L’importanza di Skynet

Il punto di partenza è appunto la condivisione decentralizzata delle informazioni, resa fattibile dalla sua piattaforma Skynet, definita proprio dai proponenti di Siacoin alla stregua di una infrastruttura alternativa a Internet.

In effetti proprio questa è la caratteristica chiave: gli utenti controllano i dati sulla piattaforma web, impedendo la disabilitazione dei siti Web o delle app sviluppate in tal modo, a meno che non siano proprio i fruitori a decidere in tal senso.

Tutte le app le quali sono fondate su di essa sono in grado di accedere ai dati reciproci e di utilizzarli al fine di rendere possibile l’implementazione di modifiche in grado di rivelarsi effettivamente utili.

Queste applicazioni sono caratterizzate da un formato URL suddiviso in due elementi. La prima parte è in pratica l’indirizzo della piattaforma, mentre l’altra rappresenta l’indirizzo del portale cui è delegato il compito di facilitare l’accesso all’applicazione.

La funzione di SkyDB

Altro fattore da ricordare nell’ecosistema Siacoin è rappresentato dalla piattaforma SkyDB, lanciata nel mese di ottobre 2020. Su di essa.

Infatti, gli sviluppatori di Siacoin  sono abilitati alla creazione di app Web3 su una rete non sottoposta ad una autorità centrale, con il preciso intento di archiviare file modificabili in account decentralizzati, i quali sono accessibili da qualsiasi dispositivo. A renderlo possibile il fatto che non sono parte di una singola app, ma di un’intera piattaforma decentralizzata.

SkyDB vede la presenza di file sia pubblici che privati. I secondi ​​sono però crittografati, rivelandosi in tal modo il terreno ideale per le applicazioni tese all’archiviazione di files, per le quali è assolutamente fondamentale la sicurezza delle informazioni.

Tra i motivi di attrazione degli sviluppatori di app nei confronti di SkyDB, il più rilevante è da ravvisare nel fatto che gli eventuali utenti non hanno bisogno della presenza di un server o di un database al fine di farla funzionare.

Anche nella fortunata ipotesi che l’applicazione veda l’afflusso contemporaneo di milioni di fruitori il costo di esecuzione resta molto conveniente.

Come comprare Siacoin?

Come si può procedere all’acquisto di Siacoin?

In pratica lo si può fare in due modi:

  1. Utilizzando allo scopo un exchange, ovvero una piattaforma di cripto-valuta. Un novero che ad oggi comprende ad esempio Binance, Poloniex, Bittrex, HitBTC, Kraken, OKEx, Digifinex e altri. Un numero, peraltro, in costante crescita.
  2. Investendo in CFD tra quelli proposti dai broker di trading online. A partire da Capital.com, piattaforma nota proprio per essersi specializzata nel trading di cripto-valuta.

screenshot siacoin interface

Fare trading con Siacoin su Capital.com: il nostro tutorial

Tra i broker che permettono di investire sul Siacoin valore, è impossibile non menzionare Capital.com, un sito web il quale è ormai da tempo punto di riferimento per tutti coloro che sono intenzionati a fare trading online sulle criptovalute.

Quali sono i fattori che gli permettono di rivestire questo ruolo? Il primo è da ravvisare senz’altro nel fatto che il broker utilizza una regolare licenza rilasciata dagli enti di sorveglianza dei mercati finanziari.

Tra i permessi collezionati nel corso degli anni ricordiamo in particolare quelli concessi da FCA (Financial Conduct Authority), ASIC (Australian Securities and Investments Commission) e CySEC (Cyprus Securities and Exchange Commission).

Proprio il godimento di una licenza di questo genere è in grado di conferire il massimo di tranquillità ai suoi clienti, in quanto obbliga il soggetto in questione al massimo di trasparenza e al rispetto assoluto delle normative nazionali e internazionali in tema di trading.

Per quanto riguarda la proposta di Capital.com, gli asset offerti alla sua clientela sono in effetti moltissimi. Un paniere di prodotti il quale non si limita a Bitcoin, Ethereum, Cardano, Solana e altri token già molto popolari, ma anche i progetti emergenti.

Asset i quali possono essere scambiati non solo in usd e euro, ma anche in altre valute che sono presenti sul market Forex.

Chi è intenzionato ad approfittare delle potenzialità insite nel progetto Siacoin, in particolare, può fare leva sull’offerta di CFD, acronimo di Contract for Difference. Si tratta in pratica di strumenti derivati, quindi tali da andare a replicare in maniera fedele la quotazione di un sottostante.

Chi utilizza questo strumento, va in pratica a formulare una sua previsione su quello che sarà il prezzo del bene in questione nel periodo post apertura.

Perché puntare su una tipologia di investimento come questa e non sull’acquisto diretto?

Il motivo è da ricercare nel fatto che essa propone notevoli vantaggi. In particolare, i CFD sono in grado di rendere possibile guadagnare non solo nel caso si verifichi un aumento del prezzo di Siacoin (o di altro asset oggetto del contratto), ma anche nell’eventualità che a verificarsi sia l’opzione inversa.

Un’opportunità resa in pratica impossibile dall’acquisto diretto, il quale obbliga a sperare in una crescita dei prezzi per conseguire un attivo. Nel caso dei CFD la cosa fondamentale è che in un dato momento venga a verificarsi la situazione prevista, in modo da chiudere la posizione e conseguire il sospirato profitto.

A questo primo vantaggio se ne va poi ad unire un secondo. La detenzione di un bene, fisico o immateriale, obbliga alla sua conservazione. Nel caso degli asset digitali a custodirli è il wallet, ovvero un portafogli digitale provvisto di vera e propria combinazione, sotto forma di chiavi private.

Le quali, però, possono essere sottratte o, addirittura, smarrite. Sembra assurdo, ma si calcola che siano già milioni i Bitcoin conservati in wallet di cui sono state perse le chiavi private.

Tanto che in definitiva, gli ormai famigerati attacchi portati avanti dalla pirateria informatica si prospettano come un fattore di secondaria importanza, di fronte alle clamorose perdite causate dallo smarrimento di chiavi private.

Occorre peraltro precisare che il wallet è a sua volta fonte di spesa, anche se in fondo limitata, occorrendo poi di installazione, operazione non alla portata di tutti, proprio per le competenze tecniche che implica.

A fronte dei vantaggi prospettati, si va a posizionare sull’altro piatto della bilancia un solo vero svantaggio, quello rappresentato dalle fluttuazioni che sono tipiche degli asset finanziari, in genere.

Per prevedere i quali è necessario possedere un background economico e seguire in continuazione tutte le notizie e le indiscrezioni che trapelano sui media e collegate al bene opzionato.

Anche per quanto concerne il possesso diretto di asset finanziari e monetari si tratta comunque di condizioni necessarie, ma non sufficienti a garantire il ritorno desiderato.

I vantaggi di acquistare Siacoin

Quali sono i vantaggi di acquistare questo token? Il primo è da ravvisare nel fatto che il Siacoin valore è al momento abbastanza contenuto.

Esistono perciò ampi margini di crescita su cui gli investitori possono fare affidamento per riuscire a trarne un guadagno anche rilevante. Anche alla luce delle Siacoin previsioni, le quali continuano ad prospettarsi molto positive, proprio per la validità del piano di sviluppo impostato.

Quali sono i limiti o gli svantaggi del Siacoin?

Il progetto Siacoin crypto è ambizioso e si pone in diretta concorrenza con i servizi di archiviazione più utilizzati sino a questo momento. In particolare, possiamo affermare che il vantaggio di utilizzare una rete basata su blockchain al fine di archiviare i propri dati prospetta benefici non solo in termini di sicurezza ma anche da quello della convenienza.

Basti pensare, al proposito, che l’utilizzazione di un servizio come Amazon S3 richiede l’impiego di circa 23 dollari per poter affittare uno spazio di archiviazione di 1 TB, a fronte dei soli 2 dollari richiesti dalla rete Sia.

Investire in Siacoin è sicuro?

Si tratta in effetti di una domanda senza molto senso. Nel settore degli asset finanziari, si tratti di beni fisici o immateriali, la sicurezza non esiste. Il mercato può infatti crollare all’improvviso e coinvolgere nella caduta un gran numero di investitori. Le Siacoin previsioni, però, dicono al momento ben altro, almeno in base agli elementi disponibili.

Previsioni Siacoin : cosa possiamo aspettarci?

Siacoin previsioni: cosa ci si può attendere nell’immediato futuro? Il nostro commento può partire dal fatto che l’atmosfera intorno al progetto continua ad rivelarsi abbastanza positiva.

In effetti l’intuizione di partenza sembra avere fondate ragioni di avverarsi, con lo spostamento del data storage dalle piattaforme centralizzate a quelle decentralizzate, le quali sono in grado di offrire notevoli vantaggi. Non solo in termini di sicurezza, ma anche e soprattutto di convenienza. Una necessità la quale sembra aprire un notevole spazio a favore di Siacoin.

screenshot siacoin chart

Quali sono le alternative all’acquisto di Siacoin?

Esistono alternative all’acquisto di Siacoin? Al momento no. Il che induce a formulare Siacoin previsioni molto positive. In effetti non esistono servizi alternativi a quello proposto dall’azienda, se non quelli forniti dalle piattaforme centralizzate.

L’effettiva concorrenza ad un progetto simile può però venire da altre cripto-valute le quali si propongono di soddisfare esigenze reali. Si pensi in tal senso a IOTA, la criptovaluta la quale è stata progettata con l’intento di fornire il propellente per il gran numero di transazioni che caratterizzano ogni giorno l’Internet of Thing (IoT).

Conclusione: conviene comprare Siacoin?

Conviene acquistare Siacoin in questo momento? Il nostro commento deve essere necessariamente articolato. Si tratta infatti di un progetto il quale muove da una esigenza reale, ovvero offrire una alternativa all’archiviazione cloud delle piattaforme centralizzate.

La risposta fornita è effettivamente in grado di regalare vantaggi consistenti, non solo in termini di sicurezza, ma anche di convenienza, rispetto ai servizi forniti da, Google e Dropbox, ovvero i maggiori competitori nel settore.

Siacoin, quindi, non è una cripto-valuta di carattere speculativo e non dipende soltanto dai capricci del mercato. Questo è il suo maggiore punto di forza, quello che potrebbe in effetti sancirne il successo.

Quando si analizza un asset al fine di comprenderne le potenzialità, occorre però anche saperne intravvedere i possibili limiti. In questo caso rappresentati proprio dal nome dei concorrenti nell’archiviazione di dati, la cui fama potrebbe in definitiva riuscire ad arginarne la diffusione. Un pericolo da tenere nel debito conto, prima di investire i propri soldi su Siacoin crypto.

📕 FAQ | Comprare Siacoin

Comprare Siacoin è una concreta possibilità per trarre profitto dalle fluttuazioni di prezzo che caratterizzano il mercato delle crypto e la sua straordinaria liquidità.

Prima di farlo, però, occorre cercare di reperire il massimo di info. possibili su Siacoin per riuscire a capire le reali prospettive del progetto, non solo in queste ore, ma anche nell’immediato futuro.

In particolare, si consiglia di seguire le notizie relative a BTC e ETH, le quali potrebbero innescare un nuovo movimento ascensionale dell’intero settore crypto nell’immediato futuro, trascinandosi dietro, in particolare, i progetti più promettenti dal punto di vista squisitamente tecnico, comportando in definitiva un aumento generalizzato dei prezzi.

Questi elementi non andrebbero assolutamente ignorati in un’ottica di investimento sul token.

✅ È il momento giusto per comprare Siacoin?

In effetti il Siacoin valore è in questo momento abbastanza modesto, se rapportato alle grandi ambizioni le quali sembrano caratterizzare le strategie adottate dal suo gruppo di sviluppo. Il target price di Siacoin, in definitiva, sembrerebbe molto superiore alla quotazione attuale.

Il cap di Siacoin è in queste ore attestato a circa 970 milioni di USD e consente al token di posizionarsi al 111° posto della classifica in termini di capitalizzazione di mercato di CoinMarketCap. Un livello che sembra in effetti, almeno al momento, lontano dal target price e dalle grandi speranze iniziali.

Chi compra Siacoin in questo momento, quindi, potrebbe averne un notevole ritorno nell’immediato futuro.

✅ Siacoin: è legale?

Come accade per tutti i progetti crypto, Siacoin è assolutamente legale. Almeno al momento non esistono normative nazionali in grado di vietare il dipanarsi di un progetto che si va a porre in alternativa a giganti come Google per quanto concerne l’archiviazione di files. Non dovrebbe sorgere alcun ostacolo in tal senso neanche nell’immediato futuro o nel post, facendo di conseguenza di Siacoin un servizio totalmente legale.

✅ Dove acquistare Siacoin?

Come abbiamo ricordato in precedenza, le possibilità sono due:

  1. L’acquisto diretto del token presso uno degli scambi che lo accludono alle proprie contrattazioni, a partire da Binance;
  2. Investire sui CFD proposti dagli operatori i quali permettono di guadagnare dal trading online di crypto. Una platea in cui è praticamente impossibile ignorare la presenza di Capital.com, il sito web che vanta la più grande offerta di asset digitali in assoluto.

✅ Cosa posso comprare con Siacoin?

Al momento, con Siacoin si può acquistare spazio sulla rete Sia, in modo da averlo a disposizione per il data cloud storage in maniera decentralizzata. Mentre non si può utilizzare Siacoin nei pagamenti giornalieri, come invece accade per il BTC o altri progetti nati proprio nell’ottica di fungere da strumento per le tante transazioni della vita di ogni giorno.


Per saperne di più, ecco le nostre guide dettagliate sulle criptovalute: