Comprare Sushiswap: il modo migliore per guadagnare sul trading di SUSHI

Ultimo aggiornamento il 31/01/22

Il 67% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.
Leggi la recensione completa etoro.

La finanza decentralizzata rappresenta una delle tendenze dominanti emerse nel corso degli ultimi anni. Destinata a crescere sempre di più, come attestato da una lunga serie di rapporti pubblicati da società specializzate. Per chi intende investire in criptovalute, quindi, i token che fanno riferimento alla DeFi rappresentano una notevole occasione di profitto. A partire da Sushiswap (SUSHI), uno dei progetti più noti del settore. Andiamo ad esaminarlo nella nostra guida.

Cos’è Sushiswap?

sushiswap logo

Sushiswap è una delle applicazioni decentralizzate (Dapp) più popolari sulla blockchain di Ethereum (ETH). Il nome si ispira chiaramente alla celebre pietanza giapponese e si propone come vera e propria cucina della finanza decentralizzata. Una cucina che rende possibile a chiunque lo voglia di diventare uno chef finanziario. Le pietanze integrate nel menu possono essere il lending, il vincolo dei token posseduti per chiedere un prestito oppure lo swap.

Sushiswap è nato come fork di Uniswap, altro protocollo di finanza decentralizzata molto noto. La differenza va ravvisata nel fatto che i possessori di SUSHI continuano a guadagnare ricompense anche una volta cessata la fornitura di liquidità.

SushisSwap per il suo protocollo di Dex (Decentralized Exchange) ha adottato il modello di automated market-making (AMM). Cosa si intende per dex AMM? In pratica una piattaforma dove non esiste un order book, con la compravendita di criptoasset facilitata dalla presenza di smart contract.

Chi ha creato Sushiswap?

La creazione di Sushiswap è avvenuta ad opera di Chef Nomi e 0xMaki, pseudonimi di cui è stato impossibile conoscere la reale identità. Il primo, peraltro, è stato oggetto di una notevole polemica subito dopo il debutto. Il 5 settembre del 2020, infatti, Chef Nomi ha ritirato tutti i suoi SUSHI, per poi cambiarli in ETH e prelevarli su un wallet esterno.

Al momento del prelievo, l’importo era di circa 14 milioni di dollari. La mossa ha provocato una notevole crisi, facendo inabissare Sushiswap, dopo il conseguimento di un miliardo di liquidità.

Rientrata nell’arco di una settimana, dopo il ravvedimento di Chef Nomi. Tornato sui propri passi ha riconsegnato i fondi ritirati lasciando alla community l’ultima parola su quanto avrebbe potuto prelevare.

A quel punto, comunque, il controllo di SushisWap era stato assunto da Sam Bankman-Fried. Dettaglio molto importante, trattandosi del CEO dell’exchange di derivati FTX e della società di quantitative trading Alameda Research. Proprio lui, il 9 settembre ha effettuato la migrazione dei token da Uniswap alla piattaforma SushiSwap.

Cosa rende unica Sushiswap?

sushiswap coin

Come abbiamo ricordato nella nostra guida, si tratta di un market maker automatizzato (AMM). Questo fatto permette a SushiSwap di differenziarsi dai tradizionali exchange decentralizzati in quanto un dex AMM non detiene libri degli ordini.

Nonostante le ovvie somiglianze con Uniswap, ha dato luogo a notevoli cambiamenti tesi ad aumentarne il feeling con gli utenti. Il primo relativo al token SUSHI, che consente di guadagnare anche una volta smesso di fornire liquidità, consegnando inoltre diritti decisionali ai suoi possessori.

A differenza di altri progetti DeFi, Sushiswap non ha avuto un’offerta massima nel corso del lancio. Ne consegue che il Sushiswap valore non dipende dall’eventuale scarsità in termini di offerta.

Sushiswap è una criptovaluta riconosciuta?

Sushiswap è una valuta virtuale largamente riconosciuta. Non solo la risposta degli investitori al momento dell’arrivo è stata entusiastica, ma proprio le polemiche succedute al comportamento di Chef Nomi ne hanno fatto parlare molto.

Occorre inoltre ricordare la presenza di Sam Bankman-Fried nel gruppo di personalità chiamate a convalidare una transazione. Affinché ciò accada, infatti, è necessario l’avallo di almeno 6 dei 9 componenti di Treasury Multisig.

Tra gli altri ci sono anche il direttore della ricerca di The Block Larry Cermak, il CEO di Sino Global Capital Matthew Graham e il fondatore di HiFi Finance Mick Hagen. Si tratta di nomi di spicco della scena crittografica, tali da conferire notevole importanza all’idea iniziale.

Come funziona Sushiswap?

Compravendita tra utenti Dex

SushiSwap consente la compravendita di criptovalute tra utenti del dex. Gli scambi prevedono una commissione dello 0,3%, mentre lo 0,25% va a coloro che forniscono la liquidità. Infine, lo 0,05% è convertito in SUSHI per la distribuzione tra chi detiene il token.

Come aggiungere liquidità

Tutti possono farlo procedendo al collegamento del proprio portafoglio Ethereum all’account SushiSwap. Chi lo fa, blocca entrambi gli asset del pool in un contratto intelligente, in rapporto di uno a uno.
Gli utenti, inoltre, hanno l’opportunità di optare per la fornitura di liquidità per coppie di scambio non ancora esistenti, semplicemente fornendo le criptovalute per i nascenti pool. Se lo fanno, hanno l’opportunità di impostare il prezzo iniziale sui pool, da sottoporre poi a modifiche mediante l’arbitraggio.

A propria volta, chi fornisce valuta virtuale a uno di questi pool è compensato mediante SushiSwap Liquidity Provider (SLP). Si tratta di gettoni che consentono di ritirare i propri fondi e eventuali commissioni in criptovaluta guadagnate sino al momento del prelievo.

Il 67% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.
Leggi la recensione completa etoro.

Come comprare Sushiswap?

Per comprare Sushiswap è possibile approfittare del canale rappresentato dagli exchange di criptovaluta. In questo caso occorre semplicemente procedere all’apertura del proprio conto tramite una procedura standard. Tra quelli che offrono Sushiswap, occorre ricordare Coinbase, Kriptomat, Binance, Capital.com, BitPanda, Kraken e Spectrocoin.

Nel caso in cui si proceda su tale strada, occorre anche dotarsi di un wallet, in cui conservare le valute virtuali. Trattandosi di un token ERC-20, occorre optare per un dispositivo compatibile con questo formato. Sono gli esperti a consigliare, anche in questo caso, il ricorso ai portafogli hardware, partendo da Ledger e Trezor.

Sono più costosi e complicati da installare, ma assicurano il vantaggio di restare costantemente offline. In tal modo, a meno di clamorosi errori, restano fuori dalla portata di eventuali hacker. Se si decide di adottare un hot wallet, ovvero un software, la soluzione migliore è rappresentata da MetaMask e WalletConnect. Entrambi sono supportati dalla piattaforma Sushiswap e comportano un esborso minore per l’acquisto.
Una terza soluzione è rappresentata dai dispositivi messi a disposizione dagli stessi exchange. Soluzione ampiamente sconsigliata in quanto la meno sicura in assoluto. Ogni anno un gran numero di wallet di questo genere vengono letteralmente svuotati dai pirati informatici. Chi detiene risorse digitali importanti, dovrebbe optare per altre strade.

screenshot della homepgae di sushiswap

Fare trading con Sushiswap su Etoro: il nostro tutorial

Una strada alternativa a quella rappresentata dagli scambi centralizzati di criptovalute muniti di licenza, come Binance, è poi fornita dai broker di trading online. Un ambito in cui spicca eToro, la piattaforma israeliana nota in particolare per il copy trading. Ovvero la particolare modalità che permette agli utenti meno esperti di copiare le strategie ideate da quelli di lungo corso.

Il sito eToro rappresenta quanto di meglio sia possibile trovare tra quelli che offrono servizi finanziari. Gode di regolare licenza ad operare in Italia, offrendo quindi garanzie in termini di sicurezza. Ad esse unisce poi un mix notevole tra convenienza e operatività. Gli spread richiesti ai titolari di conto per operare sui market sono infatti tra i più contenuti.

Inoltre, la piattaforma di trading è in grado di semplificare in maniera eccellente il compito dei trader. La semplicità, peraltro, non va a discapito del livello degli strumenti proposti. A partire da quelli di formazione. La Trading Academy di eToro è una delle più reputate in assoluto, assicurando agli interessati una crescita esponenziale in termini di know-how. Senza dimenticare che è possibile testare le nozioni apprese sul conto demo messo a disposizione gratuitamente.

L’eccellente livello raggiunto da eToro non è testimoniato soltanto dal numero di clienti che optano per la piattaforma in ogni parte del mondo. Basta in effetti fare un giro d’orizzonte sul web per notare il feeling tra il broker e i propri clienti. Sui forum di discussione online i pareri espressi sono per la stragrande maggioranza positivi. Un dato che fa capire come optare per quest’operatore ponga le basi per un trading estremamente proficuo.

La proposta crypto di eToro

Il broker eToro offre un gran numero di asset su cui puntare. Tra essi non potevano naturalmente mancare le criptovalute. Anzi, possiamo dire che la proposta varata dalla piattaforma si profila estremamente ampia. Non solo viene offerto l’ormai immancabile Bitcoin, ma ad esso si aggiungono molte delle Altcoin sulla cresta dell’onda.

Tra le seconde non poteva mancare Sushiswap, proprio alla luce del rilevante interesse che ha destato sin dall’esordio sul mercato. Il modo per poter investire i propri soldi su SUSHI è, come al solito, estremamente facile. Dopo aver aperto il conto d’investimento basta collegarsi al sito e accedere al proprio eToro wallet. Il passo successivo consiste nella scelta della valuta virtuale desiderata, per poi chiudere l’operazione d’acquisto.

Questa, però, non è l’unica modalità, che il broker propone per tradare in asset crittografici. Il secondo strumento di trading offerto da eToro è un prodotto connotato da robuste dosi in termini di innovazione. Il suo nome è Crypto CopyPortfolio e permette ai trader di sottrarsi almeno in parte ai rischi riservati dal settore ai principianti.

Di cosa si tratta? Stiamo parlando di un set di strumenti ideati con il preciso intento di utilizzare il copy trading negli investimenti in beni virtuali. Il prodotto è a sua volta suddiviso in strumenti diversi, in grado di andare incontro a svariate esigenze:

  1. CryptoPortfolio, che va ad inglobare una lunga serie di asset facendo in modo da relazionarli con quelli virtuali. Il suo intento di fondo consiste nell’assicurare agli utenti un rischio più equilibrato, tale da non travalicare quello già collegato all’investimento finanziario;
  2. Crypto-Currency CopyPortfolio, focalizzato su Bitcoin (BTC) e Ethereum (ETH), ovvero gli asset virtuali dominanti. Per poter partecipare a questa strategia d’investimento è però necessario mettere in preventivo un impegno minimo pari a 2mila dollari;
  3. CryptoEqual, un portafoglio che comprende una serie di criptovalute connotate da un grado di rischio non dissimile. In tal modo è possibile proporre uno strumento teso soprattutto ad offrire alternative a chi desidera diversificare gli investimenti;
  4. CryptoTakeover, uno strumento ideato con il preciso intento di fungere da catalizzatore per i trader con un profilo di rischio più elevato. Chi non ha paura di osare per garantirsi ritorni importanti può partecipare a questo strumento versando almeno 5mila dollari. L’idea su cui si fonda il portafogli è molto semplice: andare long sugli asset digitali e short sui titoli bancari. La scommessa è in pratica fondata sui propositi di sovvertimento dell’ordine monetario vigente che anima il settore.

investire sulle criptovalute co cfd di etoro

Investire sulle criptovalute coi CFD di eToro

Oltre all’acquisto diretto e al portafogli crittografico, il sito eToro non manca di proporre l’ormai tradizionale investimento sui CFD (Contract for Difference) di criptovaluta. Ovvero sui derivati che vanno a riflettere il valore di un bene sottostante, in questo caso Sushiswap.

Perché puntare sui CFD e non sulle modalità che abbiamo descritto in precedenza? Il motivo è da ricercare nei cospicui vantaggi che questi strumenti sono in grado di assicurare. Tra di essi, ricordiamo in particolare:

  • Il bene su cui viene aperto il contratto non è detenuto direttamente. In conseguenza di ciò non si rende necessario l’acquisto di un portafogli elettronico dove proteggere i coin acquisiti. Vengono eliminati non solo i costi connessi all’acquisto del wallet, ma anche le seccature di carattere tecnico. Inoltre, altro vantaggio da tenere presente, non c’è da temere alcuna incursione tesa a sottrarne il contenuto, da parte dei sempre temibili hacker. Per i trader che odiano distrazioni dall’attività d’investimento si tratta di una situazione ideale;
  • I derivati rendono possibile lucrare non solo dalla crescita del prezzo del sottostante, ma anche da un suo calo. Per farlo occorre individuare il trend in formazione e prendere posizione al fine di sfruttarlo. I CFD sono quindi ideali per chi ha una buona formazione economica;
  • È possibile ovviare alla mancanza di cospicui fondi. Il trader, infatti, è in grado di utilizzare la leva finanziaria per inaugurare posizioni allo scoperto. Occorre allo stesso tempo fare attenzione, in quanto anche le perdite sono amplificate;
  • I CFD rappresentano strumenti dal costo abbastanza contenuto, soprattutto nel caso di eToro e Libertex, che propongono spread molto convenienti;
  • Il rischio è in grado di essere limitato chiudendo in ogni momento l’operazione. Quando si ritiene che il guadagno corrisponda alle aspettative o le perdite siano eccessive, si può procedere immediatamente.

Il 67% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.
Leggi la recensione completa etoro.

fare trading con sushiswap su etoro

I vantaggi di acquistare Sushiswap

Il vero grande vantaggio collegato all’acquisto di Sushiswap è rappresentato dal fatto di far parte di un segmento del tutto particolare di mercato. Stiamo parlando della finanza decentralizzata (DeFi), che tutti i rapporti pubblicati dalle società specializzate indicano in grande crescita nell’immediato futuro.

All’interno di questa nicchia Sushiswap rappresenta una realtà notevole, anche in termini di innovazione. Il progetto iniziale, infatti, presenta novità di rilievo e non a caso ha suscitato notevole entusiasmo. Per chi non vuole puntare su un prodotto puramente speculativo, rappresenta di conseguenza una buona alternativa.

Quali sono i limiti o gli svantaggi del Sushiswap?

Possiamo dire in questa guida che Sushiswap non presenta difetti o limiti tali da poterne frenare una eventuale corsa. Se all’inizio della sua vita è stato colpito dalla crisi causata dallo strano comportamento di Chef Nomi, la situazione è poi stata sanata. Anzi, proprio l’arrivo di grandi nomi, a partire da Sam Bankman-Fried rappresenta una vera e propria garanzia. Non solo per la continuità in termini di leadership, ma anche perché testimonia la validità del piano di sviluppo. Ecco perché Sushiswap dovrebbe interessare agli investitori.

Investire in Sushiswap è sicuro?

La risposta della nostra guida è abbastanza ovvia. L’investimento in Sushiswap non è del tutto sicuro, come non lo è farlo su qualsiasi asset finanziario. Questo genere di mercato, infatti, è caratterizzato da grande volatilità, cui è destinata a soccombere la gran parte dei trader. Come del resto sanno bene coloro che hanno provveduto ad acquistare Sushiswap nel periodo in cui si trovava ai massimi. Da allora si è registrato un deprezzamento nell’ordine del 70%.

investire in sushiswap è sicuro

Previsioni Sushiswap: cosa possiamo aspettarci?

Le previsioni relative a Sushiswap sono positive. Se è vero che nella prima fase di vita ha regnato grande confusione, non lo è di meno il fatto che il progetto goda di una validità intrinseca. In particolare, proprio la scelta di premiare chi detiene SUSHI sembra congegnata per assicurarne le fortune. Chi detiene token, infatti, viene compensato con uno 0,05% aggiuntivo, ovvero incentivato a non immetterli sul mercato. Un ottimo espediente per impedire che l’offerta di Sushiswap cresca troppo affossandone la quotazione.

Come abbiamo poi ricordato, le criptovalute sono in questo momento in notevole difficoltà. Sembra difficile, alla luce di quanto accaduto nel passato, che questo trend prosegua anche nei prossimi mesi. Anzi, si prevede una ripresa in grado di garantire vantaggi a molti asset. In particolare, quelli collegati ad un settore come la DeFi, atteso ad una grande crescita nell’immediato futuro. In un quadro di questo genere, le previsioni per Sushiswap concordano per un notevole recupero rispetto alla quotazione attuale.

Quali sono le alternative all’acquisto di Sushiswap?

Le alternative a Sushiswap sono sicuramente da individuare all’interno della finanza decentralizzata. A partire naturalmente da Uniswap, il token da cui è derivato tramite fork. Sushiswap, quindi, vede una qualificata concorrenza in Terra, Avalanche, Chainlink, Wrapped BTC, DAI, Fantom, Magic Internet Money, AAVE e Pancake SWAP.

Altre alternative da valutare sono quelle rappresentate dai token Web 3.0, proprio perché puntano a dare risposte tecnologiche. In questo comparto si muovono progetti come Filecoin, The Graph, Theta e altri. Le alternative, quindi, sono molte e da valutare con estrema attenzione. Sushiswap, però, sembra avere tutte le carte in regola per una presa in considerazione da parte di chi intende investire in denaro virtuale.

Conclusione: conviene comprare Sushiswap?

La risposta, proprio per il quadro in cui il quesito è posto, è assolutamente affermativa. Per chi intende acquistare e detenere SUSHI, in particolare, ci sono in questo momento ottime prospettive. Non solo il coin si trova in flessione ormai da tempo, con un prezzo lontanissimo dal massimo storico, ma anche il mercato lo è. Le previsioni indicano che non appena le condizioni del secondo saranno mutate proprio Sushiswap sarà tra le cryptocurrency in grado di coglierne le nuove opportunità.

📕 FAQ | Comprare Sushiswap

Comprare Sushiswap, su Libertex o altro sito, rappresenta un’alternativa notevole al Bitcoin. Si tratta infatti di una realtà rivolta alla finanza decentralizzata, con ottime prospettive. Per chi intende farlo, occorre però conoscere a fondo il progetto e prendere posizione nel momento giusto. Sapendo che utilizzare gli scambi potrebbe non essere la soluzione migliore in tal senso.

✅ È il momento giusto per comprare Sushiswap?

Sushiswap si trova al momento al 94° posto nella classifica di CoinMarketCap. In particolare, il suo prezzo è attualmente sotto i 7 dollari, quindi lontanissimo dal massimo storico toccato a quota 23,38. Un livello favorito anche dai ripetuti crolli dei mercati che hanno caratterizzato gli ultimi mesi dell’anno passato.

Non è di conseguenza nel periodo di maggior fulgore. Paradossalmente, proprio questo è il momento ideale per comprare SUSHI. Nei prossimi mesi, infatti, si prevede un notevole miglioramento della situazione.

Un trend che dovrebbe in particolare interessare i coin legati alla finanza decentralizzata. Considerato come Sushiswap sia considerato uno dei migliori progetti in questo particolare ambito, non sembra utopico pensare ad un notevole rafforzamento. Le Sushiswap previsioni formulate dagli analisti sembrano concordare su questo punto. Acquistarlo oggi, di conseguenza, potrebbe porre le basi per un notevole guadagno.

✅ Sushiswap: è legale?

La risposta è del tutto affermativa. Sushiswap non viola alcuna legge e non esistono divieti normativi tali da metterne in dubbio la legalità. L’unico problema in tal senso potrebbe essere costituito da un bando generalizzato a livello globale contro le criptocurrency in genere. Si tratta però, almeno al momento, di un’ipotesi del tutto irreale.

✅ Dove acquistare Sushiswap?

E’ possibile acquistare Sushiswap su un exchange centralizzato dotato di licenza, a partire da Binance. Oppure facendo ricorso agli operatori di trading online, come Capital.com, eToro o Libertex. In entrambi i casi occorre aprire un account per poterlo fare.

✅ Cosa posso comprare con Sushiswap?

Sushiswap non è un token ideato per fungere da mezzo di pagamento. A differenza di Bitcoin non sarà mai usato negli esercizi commerciali, oppure per acquisti di merci e prodotti su Internet. Non si tratta, quindi, di una moneta virtuale destinata all’adozione di massa, ma di una sorta di prodotto di nicchia. La sua esistenza, cioè, è da collegare alla finanza decentralizzata e ai suoi casi d’uso.


Fabrizio foto

Fabrizio Mills | Operatore di borsa- Nato in una piccola città dell’Ohio si trasferisce in Italia all’età di 25 anni dopo aver conseguito un Bachelor in Finance presso l’Ohio State University. Ha inoltre conseguito un master alla Bocconi di Milano dove ha conosciuto Massimo.  Lavora oggi alla borsa di Milano come broker e dealer.


Il 67% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.
Leggi la recensione completa etoro.

Per saperne di più, ecco le nostre guide dettagliate sulle criptovalute: