Comprare Celo crypto: come trarre profitto dalla sua compravendita

Ultimo aggiornamento il 16/05/22

Il 67% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.
Leggi la recensione completa etoro.

Per coloro che intendono investire in criptovalute con fondate speranze di vedere premiato il proprio investimento, una delle possibili opzioni è rappresentata da Celo crypto.

Si tratta di una rete che parte da un piano ben preciso: rendere accessibili gli strumenti finanziari a chiunque possegga un cellulare. Considerato come si tratti di un dispositivo ormai utilizzato praticamente da tutti, non è difficile comprenderne la valenza e, soprattutto, le potenzialità. Andiamo quindi a conoscere meglio la blockchain.

Cos’è Celo?

celo logo

Celo crypto, si configura alla stregua di una piattaforma “mobile-first“, puntando in particolare a semplificare al massimo l’accesso alle App per smartphone. In pratica, grazie alla sua blockchain è possibile utilizzare i numeri di telefono come se fossero chiavi pubbliche. In tal modo coloro che posseggono uno smartphone, sono in grado di dare luogo a transazioni in asset virtuali. Anche, e questa è la vera particolarità, nel caso in cui non detengano un conto corrente bancario.

L’ecosistema di Celo cripto va a comprendere uno stack tecnologico blockchain PoS (Proof-of-Stake) decentralizzato, un coin nativo, una stablecoin e la Celo’s Alliance for Prosperity. Dando vita ad uno dei progetti più innovativi in assoluto.

Chi ha creato Celo crypto?

I fondatori dell’azienda sono Rene Reinsberg, Sep Kamvar e Marek Olszewski. Il debutto è avvenuto nel corso del 2020, al termine di un periodo di gestazione iniziato tre anni prima. Il piano di sviluppo è guidato dalla Celo Foundation e ha dato vita sinora ad una serie di tappe fondamentali.

Il primo prototipo aperto della rete è stato lanciato nel luglio del 2019 coincidendo con l’open source del suo codice da parte del team e con il rilascio di Celo Wallet. Nel dicembre dello stesso anno cLabs ha progettato il testnet Baklava, indicata come The Great Celo Stakeoff. Inoltre, ha varato la fase 1.0 dello staking, con l’intento di aiutare gli sviluppatori e gli aspiranti validatori ad apprendere le nozioni fondamentali per assolvere il loro compito.

La scoperta di alcuni bug critici ha però spinto a ripristinare la rete prima della seconda fase di Baklava, avvenuta nel gennaio del 2020. Da quel momento sono state varate le modifiche che hanno infine condotto all’esordio del progetto sui mercati.

In sede di offerta iniziale sono state previste un miliardo di monete virtuali. I token messi a disposizione nella prima fase ammontavano a 600 milioni. Ad essi vanno ne vanno aggiunti altri 400 milioni, destinati con il passare del tempo ai validatori di rete e al Fondo comunitario.

Cosa rende unica Celo crypto?

celo coin

Celo crypto deve la sua unicità proprio all’intento che ne ha ispirato il lancio. Ovvero lo sfruttamento di un dispositivo di larghissimo impiego come lo smartphone. Secondo gli studi condotti, entro il 2025 saranno 7 miliardi gli abbonati in ogni parte del mondo. Un dato che stride enormemente con i circa 100 milioni di persone che utilizzano gli asset digitali. Riuscire a far crescere il secondo dato in maniera tale da avvicinarlo al primo è l’intento principale di Celo.

L’azienda, naturalmente, si propone di cavalcare tale crescita e il volume di transazioni che potrebbe conseguirne. Lo fa mettendo a disposizione uno strumento già facilmente utilizzabile dagli utenti telefonici per tradare in criptovalute. Un piano quindi assolutamente originale. Del tutto diverso dai tanti progetti crittografici attualmente esistenti mossi da intenti puramente speculativi.

Celo crypto è una criptovaluta riconosciuta?

Celo cripto sin dagli esordi ha destato notevole interesse. Proprio l’intento di fondo, semplificare il volume delle transazioni con denaro virtuale utilizzando lo smartphone, ha segnato la discontinuità con i token esistenti. La genialità dell’intuizione iniziale ha spinto Olaf Carlson Wee, CEO di Polychain Capital, a indicare nel progetto “il WhatsApp per la movimentazione di soldi”. Se in termini di capitalizzazione deve crescere, la sua fama è comunque ampia.

Come funziona Celo crypto?

Il funzionamento di Celo cripto è molto semplice. In pratica la sua utilizzazione permette di collegare il proprio numero di telefono a un portafoglio di cripto-valute in grado di supportare Cusd e Celo. Un hash del numero telefonico viene memorizzato sulla blockchain, garantendo che ogni pagamento effettuato sullo stesso vada al possessore.

La verifica del numero di telefono avviene tramite l’utilizzazione di metodi di autenticazione tesi a finalizzare la creazione dell’account. Proprio la verifica del numero telefonico da parte di Celo comporta l’addebitamento di una commissione in Eur o dollari. Inoltre, è possibile collegare più numeri di telefono a un unico wallet.

Celo: staking e stablecoin collegate

Sulla blockchain di Celo è poi previsto lo staking: chi blocca i coin viene ricompensato per averlo fatto. Infine, il discorso legato alle stablecoin, che sono ora due:

  1. cUsd, con valore ancorato ai dollari;
  2. cEur, con la quotazione legata all’euro.

Entrambe possono essere acquistate direttamente dall’applicazione Valora, dopo averla scaricata sul proprio smartphone.

Il 67% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.
Leggi la recensione completa etoro.

Come comprare Celo crypto?

L’acquisto di può essere condotto in due modi: aprendo un conto presso un exchange, oppure con un broker di investimenti online. Prima di optare per questa ipotesi, occorre però tenere in considerazione le complicazioni che il possesso diretto del token comporta.

Chi detiene asset virtuali, infatti, deve dotarsi di un wallet per poterli conservare al di fuori della portata di eventuali malintenzionati. In pratica si tratta di una cassaforte digitale in grado di sbarrare l’accesso al suo contenuto tramite una combinazione, le chiavi private.

Il wallet può essere acquistato oppure affittato presso un exchange. La seconda ipotesi è quella apertamente sconsigliata dagli esperti. I portafogli elettronici degli scambi di cripto-valuta, infatti, sono l’obiettivo prioritario degli hacker. Nel corso degli anni i pirati informatici hanno ripetutamente violato i wallet aziendali, sottraendo token per un controvalore di miliardi di dollari. Tanto da spingere più di qualcuno a teorizzare la collusione con gli stessi scambi o l’ipotesi di truffe ben congegnate.

Le congetture in tal senso sono peraltro suffragate da episodi come quello riguardante Quadriga CX. Nel caso si intenda procedere all’acquisto di un wallet, inoltre, occorre considerare la complessità delle operazioni di installazione. Per gli utenti meno esperti in termini tecnologici, configurare un portafogli elettronico può rivelarsi una vera impresa portando via ore o giorni. Senza dimenticare che, nel caso l’operazione non sia condotta alla perfezione, non blocca la sottrazione dei fondi contenuti dal dispositivo.

screenshot della homepage di celo

Investire su Celo crypto coi CFD

Proprio quanto abbiamo ricordato sinora, ha spinto molte persone in ogni parte del mondo ad optare per un diverso metodo di investimento sugli asset virtuali. Stiamo parlando dei CFD, acronimo di Contract for Difference, ovvero i derivati che vanno a replicare la quotazione di un sottostante. Perché scegliere questa modalità di investimento?

Il motivo è da individuare nei cospicui vantaggi che è in grado di offrire, ad una attenta analisi. Tra di essi ricordiamo, in particolare:

  1. Permettono di trarre profitto non solo dall’aumento del prezzo del bene sottostante, ma anche da una sua caduta di valore. A differenza dell’acquisto diretto, che consente la presa di profitto solo nella prima ipotesi. Naturalmente occorre avere solide basi economiche per poter anticipare la formazione di un trend e scegliere il momento giusto per aprire la posizione, ma si tratta di un commercio più flessibile;
  2. I CFD permettono di utilizzare la leva finanziaria, ovvero di aprire posizioni allo scoperto. Non obbligano quindi il trader a disporre di un volume di risorse ingenti per dare vita ad operazioni importanti. Allo stesso tempo, occorre agire con prudenza, in quanto anche le perdite possono essere amplificate;
  3. È possibile chiudere in ogni momento l’operazione. Ove intenda passare all’incasso in caso di successo il trader blocca l’operazione, come anche nel caso inverso onde limitare le perdite;
  4. Il fatto di non detenere il token elimina i costi e le seccature di carattere tecnico collegati alla necessità di dotarsi di un wallet. Oltre alle preoccupazioni derivanti dai sempre possibili attacchi hacking;
  5. I CFD comportano costi notevolmente limitati in termini di eur, per gli spread da corrispondere al broker.

Fare trading con Celo crypto su Etoro: il nostro tutorial

Tra i broker di investimento online che propongono CFD sul token, occorre ricordare in particolare eToro. Il sito è uno dei giganti del settore, posizione conseguita grazie agli elevati standard che assicura ad ogni utente. Non solo in termini di sicurezza, ma anche per quanto riguarda i servizi proposti.

L’altro fattore che ha permesso a eToro di diventare un punto di riferimento è l’ormai celebre copy trading. Di cosa si tratta, precisamente? In pratica è una modalità di commercio che trae le sue mosse dal concetto di social: se condividi notizie, perché non farlo anche con le operazioni intraprese?

La domanda ottiene la sua pratica risposta permettendo ad un utente alle prime armi di seguire per filo e per segno le strategie di un trader esperto. Un’offerta rivolta ad un tipo di utente non ancora in possesso di un volume di competenze in grado di garantire concrete possibilità di reggere alle oscillazioni dei prezzi.

Perché proporre eToro per l’investimento in criptovalute? Il motivo è da ricercare proprio nella completezza dell’offerta ideata. E’ infatti possibile investire su Bitcoin, Ethereum e molte Altcoin tra le più gradite dai trader. Tra le quali non poteva mancare la cripto-valuta Celo. Andiamo quindi a vedere come è possibile farlo su eToro.

fare trading con celo su etoro

Investire su Celo cripto con il Crypto CopyPortfolio

Come è usanza per il broker, investire i propri eur sugli asset digitali è molto semplice e alla portata di tutti. Basta infatti inaugurare il proprio conto e depositare il denaro per avere a disposizione il proprio eToro wallet, in cui depositare le monete acquistate.

Alla modalità più tradizionale, insieme ai CFD, il sito ne affianca una rivolta in maniera specifica a chi desidera investire in cripto. Stiamo parlando del Crypto CopyPortfolio, uno strumento che permette di applicare il copy trading alle criptocurrency. Si tratta di una modalità di commercio estremamente innovativa, che sta attirando molta attenzione.

Il pacchetto proposto da eToro, parte dal presupposto che anche coloro che investono in denaro virtuale hanno diversi profili di rischio. Ad esempio, quelli che non amano aggiungere ulteriore rischio a quello connaturato con i mercati finanziari possono optare per CryptoPortfolio. In cui la correlazione tra asset tradizionali e virtuali crea un equilibrio di fondo.

Chi invece intende concentrare i suoi sforzi sulle due valute più importanti BTC e ETH, può farlo tramite il Crypto-Currency CopyPortfolio. Per poter partecipare a questo strumento d’investimento occorre versare almeno 2mila euro.

CryptoEqual rappresenta a sua volta il portafoglio composto da una serie di criptovalute caratterizzate da un grado di rischio analogo. Il suo scopo di fondo è quello di fornire una alternativa ad un tipo di utente che necessita di diversificazione.

Infine, CryptoTakeover, la proposta riservata da eToro ai clienti che non hanno eccessivo timore di rischiare, pur di ottenere un ritorno maggiore per il denaro investito. Il portafogli in questione parte da un presupposto ben preciso: la finanza alternativa è in grado di scalzare quella tradizionale.

Nel farlo, può creare occasioni sulle quali aprire posizioni profittevoli. Sul piano operativo ne consegue una strategia ben precisa: andare short (vendere) sui titoli bancari e long (acquistare) sulle criptovalute. Per poter partecipare allo strumento è necessario un investimento iniziale pari ad almeno 5mila euro.

Il 67% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.
Leggi la recensione completa etoro.

I vantaggi di acquistare Celo crypto

Il principale vantaggio di acquistarlo può essere individuato nella possibilità di diversificare il proprio portafogli d’investimento. Inoltre, si tratta di uno dei coin di cui si parla molto spesso. Nel corso degli ultimi mesi se n’è parlato in particolare per l’idea lanciata al fine di contrastare i danni derivanti dal mining di criptovalute.

Per farlo verrebbe ancorato il 40% delle riserve Celo alla foresta pluviale, entro il 2025. La base dell’operazione sarà la creazione di NFT da legare alle valute digitali scambiabili sulla piattaforma.
Altro vantaggio da tenere presente è poi legato ai grandi nomi che stanno investendo nel progetto. A partire da Deusche Telekom, di cui è stato annunciato l’ingresso all’interno dell’azienda nel passato aprile.

Una effettiva riprova della intrinseca validità del prodotto e delle sue prospettive future. Infine, il fatto di trattarsi di uno dei token più in vista in ambito Defi. Ovvero di un settore accreditato di una crescita clamorosa nel corso dei prossimi anni. Un aumento che Celo crypto dovrebbe cavalcare in maniera dirompente, in termini di capitalizzazione.

Quali sono i limiti o gli svantaggi del Celo crypto?

E’ effettivamente complicato riuscire a ravvisare limiti o svantaggi in Celo. Probabilmente l’unico è da individuare nel fatto che non è un fenomeno di costume come Bitcoin o gli NFT. Le notizie che lo riguardano non hanno la stessa rilevanza di BTC o Ethereum e non ci sono i post di Elon Musk a favorirne il pump and dump.

Deve quindi contare esclusivamente sulle sue forze per destare l’interesse degli investitori. Sembra però già avere spalle abbastanza larghe per riuscirci, considerata la fama di cui giustamente gode.

Investire in Celo crypto è sicuro?

No, l’investimento in Celo non è sicuro, come non lo è, del resto, quello su qualsiasi genere di asset finanziario. Si tratta infatti di un mercato caratterizzato da violente oscillazioni dei prezzi nell’arco di poche ore o giorni, difficili da prevedere e anticipare. Ciò non vuol dire che non sia possibile guadagnare facendo investimenti sulla cripto-valuta. Per riuscire a farlo, però, occorre dare vita a strategie in grado di stendere una rete di salvataggio intorno al proprio denaro.

Previsioni Celo crypto: cosa possiamo aspettarci?

Per quanto riguarda le ultime Celo crypto previsioni, i post al proposito sembrano concordare su un forte aumento del prezzo nell’immediato futuro. Legato innanzitutto alla particolare situazione vissuta dal mercato nell’ultima parte dell’anno passato. I ripetuti crolli hanno infatti affossato in maniera generalizzata le criptovalute, allontanandole dai massimi storici. Si è quindi creata una situazione ideale per una crescita, soprattutto per i progetti migliori dal punto di vista tecnico.

Oltre alla prevista crescita del settore, a favorire la sua dovrebbe poi esserne il livello tecnologico. Senza contare l’idea di fondo, quella di legarne le fortune allo smarphone, che potrebbe sfociare in un volume di scambi vertiginoso. Una intuizione tanto semplice quanto geniale, da seguire alla luce dell’attuale diffusione di questo dispositivo per la telefonia mobile.

Quali sono le alternative all’acquisto di Celo crypto?

Celo crypto è uno dei progetti più rilevanti in sede di finanza decentralizzata, quindi da seguire attentamente. I suoi naturali antagonisti sono quindi tutti quelli che si muovono nello stesso ambito. Nella lista non possono mancare Ethereum, Cardano, Solana, Terra, Avalanche, Sushiswap e Uniswap.

C’è però un’altra moneta virtuale che deve essere vista come naturale alternativa a Celo cripto. Stiamo parlando di Kasta, la cripto-valuta legata alla piattaforma di pagamenti crittografici appena varata. Anch’essa si propone di facilitare tutte le transazioni che vendono l’impiego di valuta virtuale.

Nelle prossime settimane, perciò, potrebbe divampare un vero e proprio duello tra queste due aziende.
Infine, un altro coin collegato alla vita reale, ovvero IOTA. La divisa digitale che si propone di fungere da mezzo di pagamento nelle tante transazioni dell’Internet of Things può in effetti rappresentare una notevole alternativa in tal senso.

Conclusione: conviene comprare Celo Crypto?

Il Celo crypto valore sembra destinato ad aumentare in maniera notevole nelle prossime settimane. Questo almeno è il convincimento che traspare da molte analisi condotte anche nel mese di dicembre e dai post degli esperti. Possiamo dunque affermare che procedere all’acquisto di Celo, in questo momento, può rivelarsi un ottimo affare.

📕 FAQ | Comprare Celo crypto

Celo crypto è un progetto abbastanza semplice nella sua concezione. Utilizza infatti lo smartphone per investire sugli asset virtuali con estrema facilità. Considerata la straordinaria diffusione di questo dispositivo in ogni parte del globo, la potenziale utenza di Celo è quindi sterminata.

✅ È il momento giusto per comprare Celo crypto?

La risposta è assolutamente affermativa, nonostante l’incidenza del Covid. Si tratta di un progetto caratterizzato da una notevole intuizione, tesa ad utilizzare uno strumento diffusissimo come lo smartphone per spedire denaro. L’idea di partenza, nella sua assoluta semplicità rappresenta un punto di forza non indifferente.

Altro dato che spinge a investirci in questo momento, è rappresentato proprio dal prezzo, inferiore di oltre il 50% rispetto al massimo storico. Attualmente Celo è al 65° posto nella classifica inerente alla capitalizzazione di mercato. Esistono cioè larghi margini di crescita in cui inserire il proprio ordine d’acquisto.

Non va dimenticato in sede di commento, infine il particolare momento attraversato dal mercato nell’era del Covid. I ripetuti crolli che hanno caratterizzato l’ultima parte dell’anno dovrebbero diventare un ricordo nei prossimi mesi. Tra tutti gli asset in grado di giovarsi della prevista ripresa, Celo sembra uno di quelli meglio posizionati.

✅ Celo crypto: è legale?

Celo crypto è oggi del tutto legale. Non infrange alcuna legge o regolamento di enti o autorità preposte al controllo del corretto svolgimento dei mercati finanziari. Anche nel suo caso l’unico rischio è che venga emanato un bando globale a danno degli asset virtuali. Ipotesi che, al momento, assomiglia più ad una ipotesi fantascientifica che alla realtà.

✅ Dove acquistare Celo crypto?

Per comprare Celo crypto oggi è possibile ricorrere a due opzioni:

  1. Aprire un conto presso un exchange che lo include in sede di contrattazione. Tra quelli che lo fanno occorre sicuramente menzionare Binance, Coinbase, Gate.io, KuCoin, Bittrex, OkCoin e Kriptomat;
  2. Inaugurare un account su uno dei broker online che propongono il trading di criptovaluta, in particolare eToro e Capital.com, ormai un vero e proprio punto di riferimento in tal senso.
    Inoltre, è possibile investire in CFD, derivati che replicano i prezzi dei beni sottostanti. Anche in questo caso sono i migliori siti di investimento online a proporli.

✅ Cosa posso comprare con Celo crypto?

Celo crypto rappresenta un metodo di pagamento rivolto alla compravendita di coin virtuali. Non viene cioè impiegato nei tanti pagamenti di beni e servizi che caratterizzano la vita di ogni giorno. La sua funzione è molto diversa da quella di Bitcoin e altri token accettati dalle aziende all’interno di una transazione.

Tale, almeno, è la situazione attuale, che potrebbe però mutare nel futuro. Non a caso da più parti il progetto è stato indicato come un potenziale avversario di Diem, la cripto-valuta di Facebook ed è stato finanziato da Deutsche Telekom.


Il 67% dei conti degli investitori retail perde denaro negoziando CFD con questo fornitore. È necessario sapere come funzionano i CFD e se ci si può permettere di perdere i propri soldi.
Leggi la recensione completa etoro.

Per saperne di più, ecco le nostre guide dettagliate sulle criptovalute: